×
Click for more products. Chiudi
No produts were found.
Click for more products. Chiudi
No produts were found.

L'inerzia (Swingweigth) nelle racchette da tennis

Tre sono i valori che influenzano maggiormente il nostro gioco e che ci fanno sentire la racchetta che utilizziamo la “nostra racchetta”: peso, bilanciamento e inerzia… probabilmente il parametro meno conosciuto, ma sicuramente il più importante.

 

Il peso è, molto semplicemente, la massa della racchetta espressa in grammi (weight, come è spesso scritto sui telai): ad esempio, 300gr.

 

Il bilanciamento rappresenta il fulcro, il punto di equilibrio della racchetta. Il bilanciamento, o balance, si esprime solitamente in cm: ad esempio, 32cm. Tale valore rappresenta la distanza tra il punto 0, cioè il tappo del manico e il punto di equilibrio. Quindi, se 0cm è il tappo e 68,58cm è la fine della testa della racchetta (i famosi 27 pollici, in misura angolsassone), i nostri 32cm di balance si collocheranno più o meno al centro della racchetta.

 

L’inerzia, per dirla semplicemente, è ciò che ci fa sentire una racchetta più o meno pesante in campo.

In termini più fisici, l’inerzia è la forza necessaria a mutare lo stato di quiete di un oggetto: in pratica, la sua “maneggevolezza”.

Come ogni forza, l’Inerzia si esprime come un prodotto: nello specifico, il prodotto tra peso e volume dell’oggetto (kg  cm²).

 

Molto spesso, tali parametri sono riportati sul telaio stesso: si possono trovare o nel cuore, tra gli steli, o anche internamente o esternamente al piatto corde. Difficilmente  tra di essi troverete l’inerzia e i motivi di questa scelta sono probabilmente l’alta aleatorietà di tale valore, dovuta alla diversa distribuzione delle masse tra un telaio e l’altro.

Oltretutto, benché due telai della stessa marca e dello stesso modello ci aspettiamo che siano identici… in realtà non lo sono quasi mai.

L'importanza del'inerzia

So che molti, già scrutando con la coda dell’occhio una formula matematica poco qui sotto storceranno la bocca e passeranno oltre ma, se avrete la pazienza di andare un po' avanti, potreste scoprire qualcosa di interessante sulla racchetta che tenete in mano quando siete su un campo da tennis.

La formula dell’inerzia, o meglio del momento di inerzia di una racchetta, ci dice che:

 

I = mr²

 

in cui m è la massa dell’oggetto, ossia il peso della racchetta e r indica la distanza del punto dell’asse di rotazione, ossia la distanza tra il tappo del manico e il punto di bilanciamento.

Questo significa che l’inerzia non è altro che:

 

I = peso x bilanciamento²

 

Se, ad esempio, la nostra racchetta pesa 300gr e ha un bilanciamento di 32cm, avremo che:

 

I = 0.300kg x (32cm)² = 292kgcm²

 

Se la medesima racchetta avesse un bilanciamento di 33cm avremmo, invece:


0.300kg x (33cm)² = 310kgcm²

 

Questo significa che è sufficiente un piccolo incremento del bilanciamento (appena 1cm) per avere un grande incremento di inerzia! E questo è logico considerando che, nella formula, il bilanciamento è elevato al quadrato… .

 

Infatti, se avessi una racchetta più pesante di ben 30gr, ossia di 330g, ma bilanciata a 31cm, applicando la medesima formula avrei una inerzia poco più alta:


I = 0.330g x (31cm) ² = 301kgcm²

 

Ecco perché quando Nadal applicò solo 3gr di nastro piombato sulla testa della racchetta (ottenendo 10-11 punti di inerzia in più), parlò di “racchetta nuova” alla quale doveva ancora abituarsi… .

 

Per chiarire meglio il rapporto tra peso, bilanciamento e inerzia, i tre parametri principali appunto,  guardiamo le immagini delle due barre qui sotto e dei relativi pesi diversamente distribuiti.

La barra A e la barra B hanno entrambe lo stesso peso, lo stesso fulcro di equilibrio, ovvero lo stesso bilanciamento, ma differenti inerzie

Barra A e B: stesso peso, stesso bilanciamento, differente inerzia.

Allo stesso modo, le due racchette qui sotto avranno lo stesso peso, lo stesso bilanciamento, ma inerzie molto differenti. La racchetta B sarà molto più maneggevole della A, ma molto meno “cattiva” nel momento di colpire la pallina. Al contrario, il telaio A svilupperà maggiore potenza e rotazioni,ma sarà molto meno maneggevole da manovrare… ad esempio, nel gioco a rete

Racchetta A e B: stesso peso, stesso bilanciamento, differente inerzia.

In entrambi i casi A, sopra mostrati, si parla di polarizzazione. La racchetta A, quindi, sarà una racchetta con un custom polarizzato, in cui il peso aggiuntivo è posizionato ai poli opposti del telaio.

Conclusioni

Speriamo di essere riusciti a farvi capire, quanto sia importante il fattore inerzia nelle racchette da tennis, con le tolleranze naturali dei telai abbiamo ritenuto corretto non inserirlo nelle specifiche delle racchette, i tennisti di Roma possono venire nei nostri negozi e con il nostro aiuto e le nostre attrezzature possono misurare i telai disponibili e trovare quello più adatto al loro gioco. Se invece volete fare un acquisto online ma volete una racchetta con un inerzia particolare potete tranquillamente contattarci qui  

Menu

Settings